Cop21: 1.500 km a piedi in 57 giorni, arrivato a Parigi il pellegrinaggio dei popoli per la terra

È giunto a Parigi il pellegrinaggio “Una terra. Una famiglia umana. In cammino verso Parigi” dopo 57 giorni, molti dei quali sotto la pioggia autunnale e 1.500 chilometri a piedi: i partecipanti hanno percorso l’Italia da Roma fino ad Aosta, per poi affrontare le strade della Svizzera, della Germania e, infine, della Francia. Una quindicina di pellegrini sono arrivati a Parigi per l’inizio della Conferenza delle Nazioni Unite sul clima Cop21. L’iniziativa è stata organizzata, per la tratta europea, da Focsiv–Volontari nel mondo con la collaborazione della Coalizione Italiana per il clima. È guidata da Yeb Sano, ex vice-ministro ed ex-negoziatore sui cambiamenti climatici della Repubblica delle Filippine, ideatore di The People’s Pilgrimage e ambasciatore di OurVoices. Durante Cop21 tutti i governi del mondo dovranno sottoscrivere un nuovo accordo globale sul clima che consenta di limitare il riscaldamento globale, almeno al di sotto di 2°C, e accelerare la transizione verso la decarbonizzazione entro il 2050. “I governi dovrebbero ricordare che la crisi ecologica non ha una dimensione puramente economica e ambientale ma anche morale. Il sostentamento e l’esistenza stessa di molte comunità, come nelle basse isole dell’Oceania, le comunità costiere del Bangladesh, le famiglie contadine in Africa e molte altre, corrono dei seri rischi per loro stessa sopravvivenza”, ha dichiarato Bernd Nilles, segretario generale Cidse. In vista di Cop21 i due coordinamenti hanno presentato il Rapporto “Parigi, per le Persone e per il Pianeta”, nel quale sono esposte le raccomandazioni sull’accordo di Parigi, esaminando il significato dell’enciclica Laudato si’ in relazione ai negoziati sul clima. Gianfranco Cattai, presidente Focsiv, punta il dito contro “le politiche che continuano a rimandare l’assunzione di impegni forti e vincolanti per l’abbandono di pratiche inquinanti e di sfruttamento irresponsabile delle risorse naturali”. A Roma Focsiv e Cidse parteciperanno anche alla Global Climate March di domenica prossima, organizzata dalla Coalizione Italiana Clima in 150 Paesi: “Vogliamo far crescere la voce a favore di una ecologia umana integrale, come indicatoci da Papa Francesco, e vogliamo manifestare per la pace, contro il terrorismo. Mai come ora c’è bisogno di tanti cammini personali e collettivi per costruire un mondo che metta al centro le Persone, il Pianeta, la Pace e il Futuro dell’Umanità”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa