Ambiente: 2° Rapporto Eco-media, più spazio alle calamità che alle buone pratiche

Il 2° Rapporto “L’informazione ambientale in Italia” ha preso in considerazione 7 emittenti nazionali (Rai1, Ra2, Rai3, Rete4, Canale5, Italia1, La7), delle quali sono stati analizzati i Tg del prime time. Il periodo di monitoraggio è di 9 mesi, dal 1° gennaio al 30 settembre 2015. Ai fini di una comparazione internazionale, sono stati esaminati anche i TG del prime time delle emittenti inglese (Bbc One), francese (France2) e spagnola (Tve La1). Di essi sono stati presi in considerazione i servizi dei Tg dei primi sette mesi del 2015. Per quanto riguarda incidenti/calamità e degrado/inciviltà, la centralità prevale nei servizi sulle epidemie e sui cambiamenti climatici; oppure nei servizi sulla mancanza di interventi, sull’inquinamento e sul maltrattamento animali. Moltissimi i servizi sul maltempo (troppo freddo, troppo caldo, troppa pioggia…), in cui ci si sofferma spesso su aspetti più “frivoli” (consumo di gelati, interviste in spiaggia ecc.) e dove la presenza dell’ambiente risulta secondaria quando non di mero sfondo. Elemento interessante è la maggiore ripetitività di incidenti/calamità, meteo e degrado/inciviltà, con forte impronta negativa dove i fatti presentati hanno effetti sull’ambiente che si prolungano nel tempo (ad esempio il terremoto in Nepal, temperature record registrate lungo tutta l’estate, scandalo Volkswagen e le conseguenze sul gruppo tedesco). Le notizie di carattere positivo sono in netta minoranza e addirittura trasmesse una sola volta senza essere ripetute. Ad esempio lo studio in California per affrontare il problema della siccità e le tecniche per rallentare l’evaporazione dell’acqua presente nei bacini. Da ciò si trae la conclusione che mentre le notizie sulle best practices sono di natura “congiunturale”, sono in sostanza degli “unicum”, quelle su incidenti e calamità o sul meteo hanno le caratteristiche strutturali della serialità, rappresentano dei “filoni” all’interno di giacimenti (inesauribili) di notizie dai quali i Tg estraggono continuamente materiale.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy