Papa Francesco: i laici non sono “membri di ‘second’ordine’, al servizio della gerarchia”

Il Concilio “non guarda ai laici come se fossero membri di ‘second’ordine’, al servizio della gerarchia e semplici esecutori di ordini dall’alto, ma come discepoli di Cristo che, in forza del loro Battesimo e del loro naturale inserimento ‘nel mondo’, sono chiamati ad animare ogni ambiente, ogni attività, ogni relazione umana secondo lo spirito del Vangelo”. Lo ha ricordato oggi Papa Francesco in un messaggio in occasione della Giornata di studio organizzata dal Pontificio Consiglio per i laici, in collaborazione con la Pontificia Università della Santa Croce, sul tema “Vocazione e missione dei laici. A cinquant’anni dal Decreto conciliare ‘Apostolicam actuositatem'”. “L’annuncio del Vangelo non è riservato ad alcuni ‘professionisti della missione’, ma dovrebbe essere l’anelito profondo di tutti i fedeli laici”, ha proseguito. “Si può dire che tutto questo insegnamento conciliare ha fatto crescere nella Chiesa la formazione dei laici – ha concluso il Papa -, che tanti frutti ha già portato fino ad ora”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy