Milano, 18 novembre Giornata in memoria del custode di Palmira, Khaled Al-Asad, ucciso dall’Isis

Il Cipmo, Centro italiano per la pace in Medio Oriente, aderisce alla giornata indetta per il 18 novembre da Gariwo – onlus che studia le storie dei Giusti delle Nazioni e si batte per la difesa dei diritti umani – in memoria di Khaled Al-Asad, il custode del sito archeologico di Palmira in Siria, decapitato e appeso a un palo della luce tre mesi fa dall’Isis, e divenuto un simbolo della resistenza contro il terrorismo. “Khaled al-Asaad – dice il direttore del Cipmo, Janiki Cingoli – esprime con il suo sacrificio la volontà di lottare contro la barbarie del fanatismo religioso, che utilizza la sua morte, per propagandare il suo messaggio al mondo. Metodi arcaici e barbari veicolati attraverso i moderni media per comunicare il terrore e incitare alla guerra santa contro l’Occidente blasfemo. A questa orrida propaganda noi non ci pieghiamo, e uniamo la nostra alle altre voci che chiedono che a questa oscenità venga posto termine, che pace e sicurezza siano restituite a quelle martoriate regioni”. All’archeologo ucciso, il 18 novembre verrà dedicato un albero nel Giardino dei Giusti, a Milano.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy