Firenze 2015: a Palazzo Vecchio ricordato La Pira, sindaco concreto e di profonda fede

“Giorgio La Pira sapeva tenere insieme una fede alta e limpidissima e la concretezza nelle piccole cose del quotidiano”. È quanto ha affermato Cristina Giachi, vice sindaco di Firenze, nel Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio durante l’incontro “Testimoni del Novecento: Giorgio La Pira”, che si è svolto oggi nell’ambito del Convegno ecclesiale nazionale. “Nel suo impegno da sindaco – ha aggiunto Giachi – fu capace di stare nella quotidianità mantenendo uno sguardo tanto alto e ispirato”. Giulio Conticelli, vicepresidente della Fondazione dedicata al professore fiorentino, ha parlato invece della “maturità spirituale” di La Pira, “viaggiatore della fede”, che “invitava a pregare, per una maggiore efficacia, con la Bibbia e con il mappamondo”. Secondo Conticelli, “il cristianesimo vissuto da La Pira non fu devozionismo, ma – ha concluso – sorgente di impegno e carità”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy