Salute: Lorenzin (ministro), "non più tagli lineari, stop a sprechi e abusi"” “

"L’idea centrale del patto per la salute è non fare più tagli lineari" e dire "stop a sprechi e abusi". Lo ha detto Beatrice Lorenzin, ministro della Salute, intervenuta all’incontro odierno della Consulta nazionale Cei della pastorale sanitaria, in corso a Roma. "Il patto per la salute – ha detto – è l’inizio della riforma che abbiamo messo in campo, ossia come rendere sostenibile il nostro Sistema sanitario nazionale (Ssn) a fronte dell’invecchiamento della popolazione. Fatto prevedibile ma che ci trova impreparati. Siamo, inoltre, in un certo rinascimento della ricerca scientifica e della biomedicina: genomica e farmaci innovativi e biologici per il cancro che ne cronicizzano alcuni tipi aumentando come per il cancro al polmone l’aspettativa da sei mesi a dieci anni". E poi "farmaci contro l’epatite C. Di prossimo arrivo farmaci che aiutano nell’Alzheimer e nel Parkinson e, in generale, la medicina personalizzata. Un rinascimento che è però carissimo. Sui malati di epatite C – ha proseguito – mi sono battuta per avere la cura in Italia: con un miliardo di euro abbiamo curato 100mila persone, ma i malati sono molti di più. Terzo elemento, non immaginabile, la crisi economica che ha comportato in tutta Europa una contrazione per il welfare. Con il patto per la salute abbiamo condiviso una serie di misure per una roadmap che renda il Ssn sostenibile a fronte di queste sfide".” “” ” ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy