Immigrazione: Dossier Idos, in Italia oltre 5 milioni di immigrati, come italiani all’estero

Per la prima volta, nel 2014 il numero mondiale dei migranti forzati ha sfiorato i 60 milioni (59.965.888), con un aumento annuo di 8 milioni. I due terzi sono sfollati interni, il resto richiedenti asilo e rifugiati. In Italia sono sbarcate lo scorso anno 170 mila persone e la presenza straniera regolare ammonta a 5.421.000 persone, quasi pari agli italiani all‘estero (5 milioni). Nel 2014 infatti gli italiani che sono emigrati all‘estero (+155 mila) hanno superato le nuove presenze straniere in Italia (+92 mila).

Sono alcuni dei dati che emergono dal Dossier statistico immigrazione 2015 curato da Idos, con la rivista “Confronti” e Unar (Ufficio nazionale anti-discriminazioni razziali), sostenuto con i fondi otto per mille della Chiesa valdese. Il Dossier, presentato oggi a Roma e in tutti i capoluoghi regionali, evidenzia una crescita progressiva, seppure rallentata, degli immigrati, un aumento dei processi di inserimento sociale, un bilancio positivo tra entrate fiscali assicurate dagli immigrati e spesa pubblico e un miglioramento delle statistiche penali.

Aumentano, invece, gli episodi di discriminazioni, razzismo e xenofobia, con i social network che producono “intolleranza informatica”. L‘afflusso ingente di profughi nell‘Ue (627.790 nel 2014) soprattutto da Siria, Afghanistan, Kosovo, Eritrea, non si è tradotto in un sistema di accoglienza adeguata. In Europa le persone con cittadinanza diversa da quella del Paese di appartenenza sono il 6,7% della popolazione.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy