Fondazione Ratzinger: mons. Scotti, uomo di oggi è “terra deserta, arida, senz’acqua”

(dall’inviata Sir a Madrid) – L’uomo di oggi è “terra deserta, arida, senz’acqua”. Monsignor Giuseppe Scotti, presidente della Fondazione vaticana Joseph Ratzinger-Benedetto XVI, ha preso in prestito le parole del Salmo 62, pregato, meditato e citato ripetutamente da Santa Teresa d’Avila, per descrivere la situazione dell’uomo contemporaneo. Il salmo, ha detto Scotti nella giornata di apertura del Convegno a Madrid, “descrive in modo efficace e immediato la terra arida e deserta nella quale si trova a vivere e ad abitare l’uomo che si ritrova senza Dio. Un uomo che cerca sì, eppure si trova incapace di mettere il suo cuore e la sua mente in sintonia con la mente e la forza creatrice dell’Altissimo”. Di qui la necessità di “guardare all’uomo e a noi stessi con gli occhi e il cuore di Teresa, la mistica, la donna che ha avvertito con forza quanto la preghiera sia potente e trasformante”. Il riferimento è al tema del Convegno: “La preghiera, forza che cambia il mondo”, definizione coniata da Joseph Ratzinger.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo