CRISI MEDIORIENTALE: GATTEGNA (UCEI), "PACE AUTENTICA" È LA "SOLA PROSPETTIVA" ” “

"Profonda, sincera solidarietà alle famiglie di tutte le vittime del conflitto, e in particolare alle famiglie dei tre adolescenti israeliani e dell’adolescente palestinese barbaramente assassinati in azioni terroristiche". A esprimerla è la giunta dell’Unione delle comunità ebraiche italiane (Ucei), che si è riunita per considerare, tra l’altro, l’incandescente situazione mediorientale. Il presidente dell’Ucei, Renzo Gattegna, parla di "gravissimo attacco contro la popolazione civile israeliana", chiedendo l’intervento dei "grandi dell’Europa" e della Santa Sede. Il presidente dell’Ucei bolla quanto sta accadendo come "l’azione criminosa di una compagine di terroristi che tiene in ostaggio con la prevaricazione la propria popolazione, si fa scudo della popolazione civile per attuare i propri crimini e cerca con ogni mezzo, anche il più abbietto, di allontanare ogni prospettiva di pace". "L’Unione delle comunità ebraiche italiane – prosegue la dichiarazione di Gattegna – ribadisce che una pace autentica, sincera e duratura costituisce la sola prospettiva che deve stare a cuore a tutte le realtà che si affacciano sulle sponde del Mediterraneo. Ma ribadisce al tempo stesso che una pace vera può essere raggiunta esclusivamente neutralizzando con coraggio e determinazione i poteri terroristici, che oggi più che mai costituiscono una minaccia mortale per il progresso e la coesistenza fra i popoli".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy