PROCESSIONE A OPPIDO: VICARIO GENERALE, "PIENA CONDIVISIONE" CON IL VESCOVO

"Alla luce della risonanza nazionale, sollevata dall’episodio blasfemo verificatosi il 2 luglio scorso, in occasione della processione della Madonna delle Grazie a Oppido Mamertina-Tresilico, che ha interessato tutti i mass media e diverse personalità religiose e civili, finanche qualche ministro" i vicari pastorali e foranei della diocesi di Oppido Mamertina-Palmi "prendono le distanze da quanto avvenuto ed esprimono piena condivisione con la posizione del vescovo, nella convinzione che non ci può essere nessuna commistione tra Chiesa e ‘ndrangheta. Come ci può essere, del resto, legame se la prima parla il linguaggio dell’amore e la seconda quello della vendetta, della sopraffazione e della morte?". È quanto si legge in una nota del vicario generale, mons. Giuseppe Acquaro, dopo un incontro avuto questa mattina con i vicari. Quello che è avvenuto a Oppido, "offende e non onora la Madre di Dio" e "rischia di mettere in ombra, in quest’Anno della carità, fortemente voluto dal nostro vescovo per la diocesi, quanto sin dall’inizio del suo ministero episcopale, senza sosta e con ogni zelo, egli va operando per la conciliazione della comunità, in particolare della città di Oppido Mamertina, con conferenze, catechesi, ritiri spirituali, fino al recente Congresso eucaristico diocesano". (segue)” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy