DIOCESI: PERUGIA, "CAMPI DI VOLONTARIATO" NELLE "OPERE SEGNO"” “

Un "campo di volontariato" a fianco delle persone in difficoltà: mamme e papà soli con bambini, giovani e adulti disagiati, anziani senza una famiglia autosufficienti e non. È la proposta estiva della Caritas diocesana di Perugia-Città della Pieve. "L’obiettivo – spiega la Caritas perugina – non è solo di far conoscere queste realtà caritative gestite da diversi giovani padri e madri di famiglia, che hanno scelto di condividere la vita insieme ad altri servendo il prossimo; è quello, in particolare, di far vivere quest’esperienza con la consapevolezza che è più ciò che si riceve dalle persone in difficoltà che ciò che si dona ad esse. Insomma, è un’occasione per mettere in pratica la ‘pedagogia della carità’ rivolta a giovani ma anche ad intere famiglie, che decidono di trascorrere un periodo (minimo una settimana) nelle opere segno" della Caritas diocesana. "Quello che porta a casa chi passa in queste opere segno – spiega Daniela Monni, direttore della Caritas diocesana – non è un’esperienza di volontariato, ma una domanda di significato sul senso della vita, del servizio, del mettere al centro Gesù con il mettere al centro il prossimo". "Mentre la cronaca, anche di questi ultimi giorni, sporca di nero tante pagine dei nostri giornali, la vita buona, radicata nel Vangelo, di tanti piccoli fedeli", conclude Monni, "spinge molti giovani e famiglie a cercare le cose di lassù, che danno una speranza, tengono accesa una lucerna sul tavolo".” “” ” ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy