CONSUMI FAMIGLIE: ISTAT, IN CALO NEL 2013. 73,4% IN CASA DI PROPRIETÀ

Cala nel 2013 la spesa media mensile delle famiglie italiane, pari, in valori correnti, a 2.359 euro, il 2,5% in meno rispetto all’anno precedente. È il dato principale che emerge dalla statistica sui Consumi delle famiglie nel 2013, diffusa oggi dell’Istat. Sostanzialmente invariata – informa l’Istat – la spesa per alimentari (da 468 a 461 euro), nonostante si spenda meno per la carne (-3,2%) e si cerchino strategie per spendere ancora meno. Aumentano, infatti, le famiglie che hanno ridotto la qualità o la quantità dei generi alimentari acquistati (dal 62,3% del 2012 al 65%) e quelle che si rivolgono all’hard discount (dal 12,3% al 14,4%). In calo la spesa per beni e servizi non alimentari (-2,7%, pari a 1.898 euro mensili), in particolare abbigliamento e calzature (-8,9%), tempo libero e cultura (-5,6%), comunicazioni (-3,5%). Circa l’abitazione, nel 2013 il 16,7% delle famiglie vive in un’abitazione presa in affitto (erano il 16,9% nel 2012 e il 18% nel 2011), con una spesa media mensile di 394 euro (445 euro nelle regioni del Centro e 313 euro nel Mezzogiorno). Tra le famiglie che vivono in abitazioni di proprietà (il 73,4%), il 16,6% paga un mutuo. Questa voce nel bilancio familiare interessa poco più di 3 milioni di famiglie e rappresenta un’uscita consistente pari, in media, a 499 euro al mese, che sale a 510 euro nel Nord e a 533 euro nel Centro.” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy