PAPA IN MOLISE: MISERICORDIA "PROGETTO DI VITA" E "NUOVA CITTADINANZA"

” “” “(dall’inviata Sir a Isernia) – Misericordia come "progetto di vita" e fonte di "nuova cittadinanza". Lo ha detto il Papa ad Isernia, sulla scorta delle parole del Padre Nostro: "Rimetti a noi i nostri debiti, come noi li rimettiamo ai nostri debitori". "In queste parole del Padre Nostro – ha commentato – c’è tutto un progetto di vita, basato sulla misericordia". "La misericordia, l’indulgenza, la remissione dei debiti – ha ammonito il Papa – non è solo qualcosa di devozionale, di intimo, un palliativo spirituale, una sorta di olio che ci aiuta ad essere più soavi. No! È la profezia di un mondo nuovo, in cui i beni della terra e del lavoro siano equamente distribuiti e nessuno sia privo del necessario, perché la solidarietà e la condivisione sono la conseguenza concreta della fraternità". Sta qui, per Francesco, "il senso di una nuova cittadinanza, che sentiamo fortemente qui, da dove ci parla la memoria di san Pietro del Morrone Celestino V". In questa prospettiva, l’anno giubilare celestiniano, "durante il quale sarà spalancata la porta della divina misericordia", "non è una fuga, non è un’evasione dalla realtà e dai suoi problemi, è la risposta che viene dal Vangelo: l’amore come forza di purificazione delle coscienze, forza di rinnovamento dei rapporti sociali, forza di progettazione per un’economia diversa, che pone al centro la persona, il lavoro, la famiglia, piuttosto che il denaro e il profitto". ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy