DIOCESI: TEGGIANO-POLICASTRO, CONTINUA L’IMPEGNO DI ACCOGLIENZA DEI MIGRANTI

A poco più di una settimana dal secondo sbarco di migranti presso il porto di Salerno, la rete della Caritas di Teggiano-Policastro continua con i suoi operatori e volontari nel sostenere l’accoglienza dei richiedenti asilo provenienti dal continente africano e asiatico. Sono oltre 400 i migranti presenti nelle strutture di accoglienza distribuite sul territorio del Vallo di Diano, del Cilento, del Golfo di Policastro, della Piana del Sele: Palinuro, Sicignano degli Alburni, Capaccio, Roscigno, Eboli, Padula, Montesano sulla Marcellana, Morigerati. Si tratta di migranti provenienti da Nigeria, Ghana, Senegal, Mali, Guinea, Costa d’Avorio, Gambia, Togo, Pakistan, Siria, Eritrea, Somalia. "L’accoglienza – dice don Vincenzo Federico, direttore della Caritas di Teggiano-Policastro- significa dare loro la possibilità di imparare la lingua italiana, fornire assistenza legale e sanitaria, soprattutto accompagnarli dal punto di vista umano in questo particolare momento della loro vita". La Caritas diocesana di Teggiano-Policastro, a dicembre 2013 ha di nuovo avviato la macchina dell’accoglienza. Recentemente ha dato il suo contributo durante lo sbarco dei 1044 migranti a Salerno del 1 luglio scorso e durante” “quello di sabato 19 che ha visto arrivare a Salerno 2186 persone. (segue)” “” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy