DIOCESI: TEGGIANO-POLICASTRO, CONTINUA L’IMPEGNO DI ACCOGLIENZA DEI MIGRANTI (2)

In quest’occasione, la rete della Caritas diocesana ha fornito supporto sia aprendo le porte all’accoglienza di oltre 100 migranti, sia portando presso il molo dove ha attraccato la Nave militare Etna 3.500 paia di ciabatte per evitare che chi scendesse a piedi nudi dovesse essere costretto a camminare sull’asfalto rovente. Durante tutta la giornata di sabato 19, la Caritas di Teggiano- Policastro è stata presente presso il porto di Salerno insieme a 6 volontari mediatori di Tunisia, Pakistan, Burkina Faso, Mauritania, Guinea, Eritrea. "Di fronte a questo esodo biblico – dice monsignor Antonio De Luca, vescovo di Teggiano-Policastro, presente sabato sul molo -, conta una massiccia mobilitazione che va ben al di la della commiserazione. Bisogna offrire accoglienza, cure mediche, affetto e solidarietà. Come Chiesa ci permettiamo di invitare a non eludere i grandi interrogatovi sulle politiche mondiali, sulla triste economia dell’esclusione che ha determinato pesanti squilibri nelle relazioni tra i popoli, ha compromesso la pace, ha offuscato il senso comune della dignità di ogni persona. I frutti amari e le tristi conseguenze sulla sorte di intere nazioni toccano anche noi è non possiamo esimerci dal sentirci interpellati. Impariamo a guardare negli occhi quelli che sbarcano sulla nostra terra. Non sono solo numeri".” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy