IRLANDA: MONS. NEARY (TUAM), SIAMO ANCORA CAPACI DI SOSTENERE I NOSTRI VALORI?

"In passato era difficile immaginare il mondo senza Dio. Oggi sta diventando una sfida immaginare il mondo con Dio". Lo ha detto l’arcivescovo di Tuam, Michael Neary, nell’omelia pronunciata questa sera durate la Messa nella chiesa di Saint Mary’s in occasione dell’annuale Reek Sunday Pilgrimage, per il quale il presule celebrerà una Messa anche domani mattina sulla vetta del Croagh Patrick. "La nostra cultura – fa notare Neary – si sforza dare senso al mondo, senza riferirsi a Dio. Vivendo nella società del controllo e dalla precisione tecnologici, siamo indotti a credere di conoscere tutti i codici". Per l’arcivescovo, "è fondamentale per ogni cultura il rispetto per ciò che un altro gruppo ritiene sacro. Nella società civile "chiunque disonori la fede di Israele, la sua immagine di Dio o le sue grandi figure deve pagare una multa. Lo stesso vale per chi insulta il Corano e le convinzioni dell’Islam". Ma quando "si tratta di Gesù Cristo e di ciò che è sacro per i cristiani – avverte – sembra esserci uno standard diverso; la libertà di espressione non conosce limiti. Nel nostro encomiabile sforzo di diventare più comprensivi dei valori degli altri abbiamo perso la capacità di sostenere e rispettare i nostri valori?". La realtà, conclude, "è che siamo in grado di considerare con rispetto le tradizioni sacre degli altri solo se apprezziamo le nostre".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy