VENTI DI GUERRA: GIORNALI FISC, "I CONFLITTI NEL MONDO SONO UNA FERITA" (2)

Commentando quanto sta avvenendo in Iraq, Vincenzo Rini, direttore della Vita Cattolica (Cremona), osserva: "Il cristianesimo è oggi la religione più perseguitata al mondo, ma né i Paesi civili e democratici, né le Nazioni Unite sembrano interessarsene. Resta il Papa, solo, a chiedere libertà, rispetto, pace". "Siamo alle guerre di religione?", si chiede Vittorio Croce, direttore della Gazzetta d’Asti (Asti), in riferimento a quanto sta avvenendo con Al Qaeda in Iraq e in Siria a danno dei cristiani. "Le cronache raccontano e mostrano con ogni mezzo la morte delle persone e la distruzione delle loro cose, a partire dalle case. In Israele, zona Striscia di Gaza, dalla scorsa settimana è iniziato un intervento di terra dell’esercito israeliano", ricorda Giulio Donati, direttore di RisVeglio Duemila (Ravenna-Cervia), che aggiunge con rammarico: "E per ora non c’è idea di far pace". In questa guerra, loro malgrado, si trovano anche i cristiani. Vincenzo Finocchio, direttore dell’Appennino Camerte (Camerino-San Severino Marche), ricorda che "a Gaza il cristianesimo ha messo piede probabilmente fin dai primi tempi perché, dice padre Jorge Hernandez, "la tradizione cristiana a Gaza è ricca e antica. Maria, Giuseppe e Gesù bambino probabilmente passarono di qui durante la fuga in Egitto. Proprio per questo Gaza è a pieno titolo Terra Santa’".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy