GAZA: OXFAM, OLTRE 170MILA GLI SFOLLATI NELLA STRISCIA (2)” “

Oxfam sta trasportando rifornimenti vitali di acqua per 19.000 rifugiati presso le scuole, una chiesa e una moschea; sta anche rifornendo l’ospedale Al Shifa, che negli ultimi giorni ha avuto un massiccio afflusso di vittime, comprese molte donne e bambini. Gli stessi ospedali e strutture sanitarie sono stati colpiti dagli attacchi e risultano gravemente danneggiati. "La richiesta di cure, acqua, cibo e spazi di accoglienza attrezzati cresce giorno per giorno. Il terribile prezzo pagato dai civili è scioccante – afferma il responsabile delle emergenze umanitarie di Oxfam Italia, Riccardo Sansone -. Gli ospedali e le scorte d’acqua stanno sopportando troppe richieste, e il bisogno cresce giorno per giorno. Le persone scappano terrorizzate. Normalmente, in crisi come questa, si assisterebbe a un esodo di cittadini che tentano di sfuggire alla violenza, ma qui non c’è alcun posto sicuro in cui andare. Per anni il blocco ha impedito a molte persone di lasciare Gaza, limitando i commerci e devastando l’economia. Una pace duratura e sicura per entrambe le parti può essere rappresentata solo dalla fine di questo blocco e della punizione collettiva inflitta agli abitanti di Gaza". Oxfam è attualmente presente a Gaza con 34 operatori locali. Ha già distribuito oltre 1.300 buoni alimentari e oltre 18.500 metri cubi di acqua potabile in strutture Unrwa, rifugi e altre scuole private.” “” ” ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy