MONSIGNOR NOSIGLIA: UN TEMPO STRAORDINARIO PER LA CHIESA DI TORINO

Ostensione della Sindone (19 aprile – 24 giugno 2015), bicentenario della nascita di don Bosco (15 agosto 2015) e visita del Papa: il 2015 sarà un tempo straordinario per l’arcidiocesi di Torino. "L’Amore più grande – spiega l’arcivescovo monsignor Cesare Nosiglia in un’intervista pubblicata sul numero in uscita de "La Voce del Popolo" – è il tema annuale che riassume i tre eventi e vuole indicare un cammino di unità tra tutte le componenti della Chiesa". "I due soggetti principali del giubileo di don Bosco e della Sindone, i giovani e i malati, poveri e anziani – prosegue Nosiglia – saranno dunque posti al centro di questi eventi e anche della visita di Francesco" che "del resto non fa che mostrarci le vie di quella tenerezza e prossimità che rivela l’amore misericordioso e fedele di Dio di cui ogni persona". A caratterizzare l’anno pastorale e questi eventi dovrà essere l’accoglienza "fraterna e amicale delle nostre famiglie, comunità, oratori e strutture di servizio a chi è ammalato o disabile". Una "scommessa forte e impegnativa per tutta la Chiesa di Torino ma ne vale la pena perché ne trarrà molto frutto di bene e di fiducia per il suo futuro". Nell’intervista mons. Nosiglia sottolinea l’importanza della "corresponsabilità" di tutti i membri del "popolo di Dio". (segue)” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy