VOLONTARIATO: ISTAT, NEL 2013 UN ITALIANO SU 8 HA SVOLTO ATTIVITÀ A BENEFICIO DI ALTRI

"Circa un italiano su otto ha svolto attività gratuite a beneficio di altri o della comunità nel 2013, e il numero stimato di volontari nel nostro Paese è 6,63 milioni (tasso di volontariato totale del 12,6%)": sono questi alcuni dei dati che emergono dal report "Attività gratuite a beneficio di altri", sulla misura del lavoro volontario, realizzato da Istat, CSVnet (rete dei Centri di Servizio per il Volontariato) e Fondazione Volontariato e partecipazione. Nel Nord-est, si legge nel rapporto, il tasso di volontariato totale è più elevato (16%) e il Trentino Alto-Adige (21,8%) si colloca al primo posto. Tra le ripartizioni seguono Nord-ovest (13,9%) e Centro (13,4%). Il Sud, invece, ha livelli di partecipazione più bassi (8,6%), dimezzati rispetto al Nord-est. Inoltre, gli uomini sono più attivi delle donne (13,3% contro 11,9%): questo è dovuto alla maggiore presenza maschile nel volontariato organizzato. Anche l’agiatezza familiare incide nella propensione al volontariato: il tasso di volontariato totale risulta, infatti, massimo (23,4%) tra i componenti di famiglie agiate e raggiunge il minimo nelle famiglie che hanno risorse percepite assolutamente insufficienti (9,7%). Il 76,9% dei volontari che praticano l’attività nelle organizzazioni vi si dedica con continuità da tre anni o più; in particolare ben il 37,7% porta avanti l’impegno da più di dieci anni. (segue)” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy