MEDIO ORIENTE: UNIONE BUDDHISTA ITALIANA VICINA A CHI S’IMPEGNA PER LA PACE

L’Unione buddhista italiana (Ubi), "in questo momento in cui le voci di guerra in Medio Oriente si levano sempre più forti e la situazione sta assumendo realtà drammatiche per la popolazione civile, si unisce nel silenzio della meditazione e della preghiera a tutti gli uomini e le donne di buona volontà che stanno operando per mediare e risolvere questo conflitto per cui è già stato pagato un troppo grande tributo di vittime". Esordisce così il comunicato diffuso oggi dall’Ubi. L’insegnamento del Buddha, prosegue l’Unione buddhista italiana, "ha sempre sostenuto la pratica della non violenza e della compassione da applicare soprattutto nei momenti in cui tutto sembra perduto e, come in questo caso, la violenza e gli attacchi sembrino l’unica soluzione percorribile. Ci auguriamo che questo possa accadere oggi nel martoriato Medio Oriente". "Le nostre preghiere sono rivolte a tutti coloro che soffrono della violenza delle armi e ai governanti dei popoli di Israele e della Palestina affinché riescano ad arrivare al cessate il fuoco e alla riconciliazione". Di qui l’auspicio conclusivo: "Che concordia, pace e rispetto possano regnare in Medio Oriente nello spirito di fratellanza universale". 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy