SERVIZIO CIVILE: CNESC, "IL GOVERNO MANTENGA SCU APERTO AGLI STRANIERI"

"Il Governo mantenga il servizio civile universale (Scu) e volontario aperto agli stranieri. Non vorremmo un ritorno al passato con la chiusura agli stranieri nel Scu". È la richiesta che fa oggi la Cnesc, dopo le dichiarazioni odierne del presidente del Consiglio, Matteo Renzi, che ha detto: "Abbiamo scelto nel disegno di legge di non affidare il servizio civile universale se non ai cittadini italiani". Per la Cnesc, "il Scu è l’altra modalità, non armata, di difendere la Patria". In realtà, "il rapporto fra stranieri e italiani nelle richieste di partecipazione al servizio civile nazionale nel 2013 sono 613 a 90.030. In termini numerici non c’è partita. Sul piano delle risorse economiche una partecipazione di queste dimensioni non intaccherebbe l’obiettivo che il Governo affida al Scu: un’opportunità a regime per circa 100.000 giovani di educazione, apprendimento, partecipazione". In tal modo il Scu "diventerebbe una delle istituzioni di base della società italiana". Per questo "la Cnesc continua ad esprimere interesse alla proposta deliberata dal Consiglio dei ministri il 10 luglio, in attesa di vedere il testo definitivo". La Cnesc assicura che "continuerà a operare affinchè il disegno di legge sia mantenuto nella sua stesura originale con il Scu aperto anche agli stranieri".” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy