GAZA: VOCI DALLA STRISCIA, "BOMBARDAMENTI CONTINUI"

Ottanta morti, 575 feriti e 105 case distrutte: continua a salire il bilancio dei raid israeliani sulla Striscia di Gaza. L’operazione "Protection Edge" (confine protettivo) prosegue con sempre maggiore intensità per colpire le postazioni di Hamas. Nella notte i droni e i caccia di Tel Aviv ne hanno distrutte 326. "È stata una notte terribile – racconta al Sir (clicca qui) una fonte da Gaza che ha chiesto l’anonimato per motivi di sicurezza – forse la peggiore dall’inizio dei bombardamenti. Le bombe si sono sentite fino a questa mattina. I principali obiettivi sembrano essere i tunnel che attraversano tutta la Striscia usati per reperire merci e prodotti, ma non solo, a quanto pare anche armi. La popolazione è rintanata in casa. Gli scoppi e i bombardamenti stanno traumatizzando i bambini che piangono continuamente per la paura". "Da quello che si vede in giro, le case distrutte, palazzi colpiti – continua la fonte – sembra che questa operazione militare sia più intensa delle due precedenti, (Piombo fuso di fine 2008 e inizio 2009 e Colonna di fumo nel 2012, ndr.)". (segue)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy