PAPA FRANCESCO: "IL RICORSO ALLE ARMI È UNA SCONFITTA DI TUTTI"

"Il ricorso alle armi in generale, e alle mine in particolare, rappresenta una sconfitta di tutti". È quanto scrive il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin nel messaggio inviato, a nome di Papa Francesco, alla terza Conferenza di revisione della Convenzione sul divieto d’impiego, di stoccaggio, di produzione e di trasferimento delle mine antipersona e sulla loro distruzione, svoltasi a Maputo, in Mozambico, dal 23 al 27 giugno scorsi. Il messaggio è pubblicato sull’edizione del 2 luglio de "L’Osservatore Romano". Nel testo anzitutto vengono espressi "solidarietà e affetto a tutte le persone vittime delle mine", poiché "portano, sul loro corpo e nella loro vita, i segni di un’arma disumana, un’arma irresponsabile, un’arma da vigliacchi". Quindi il cardinale auspica un rinnovato impegno nella direzione di "decisioni che s’impongono al fine di cambiare il presente: il presente di tante famiglie, comunità, regioni e Paesi che continuano a vivere ogni giorno nella paura delle mine, nell’insicurezza e nella povertà. L’ambiente che li circonda implica una minaccia costante, mentre dovrebbe essere fonte di fertilità, di sviluppo e di gioia di vivere". (segue)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy