MONSIGNOR GALANTINO: ALLA FUCI, "IMMAGINARE UN’EUROPA DIVERSA"

(dall’inviato Sir a Padova) – "A voi è chiesto di contribuire a costruire la cultura della vita, in modo che l’uomo non sia ridotto a merce. Attraverso la vostra testimonianza dovete rendere possibile immaginare un’Europa diversa, nella quale le culture s’incontrino non sulla base di un’ideologia che si autodefinisce neutrale mostrando, in realtà, accanimento verso tutto ciò che costituisce l’umano e in particolare verso l’amore sponsale e la famiglia". Così il segretario generale della Cei, monsignor Nunzio Galantino, si è rivolto alla Fuci in un messaggio letto, oggi pomeriggio a Padova, all’apertura del 63° congresso nazionale, dedicato al tema "Europa al crocevia. Il cammino dell’integrazione verso un nuovo continente". Galantino cita pure "lo sforzo di accogliere chi viene dall’esterno dell’Europa" come occasione per "vivere e testimoniare meglio il nostro amore per la vita umana". "Le sfide che l’Europa deve affrontare – osserva – sono molteplici: eppure sembrano tutte riconducibili a un unico orizzonte, a una cultura del denaro che tende a coprire ogni aspetto della nostra vita. Anche l’Europa – denuncia – rischia di soffocare sotto questa coltre, che ci spinge a quella ‘globalizzazione del’indifferenza’ denunciata da Papa Francesco", un’"indifferenza che ci spinge al disinteresse verso le popolazioni migranti, così come verso gli altri ‘deboli’ che vivono tra noi: bambini, poveri, anziani".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy