DIOCESI: MONS. CAPUTO (POMPEI), "IERI IL PAPA CI HA COMMOSSO. LO ASPETTIAMO"

"Siamo pieni di cristiana letizia nel momento in cui le diciamo: ‘benvenuto a Pompei!’, città di Maria e terra legata, fin dalla fondazione, alla Santa Sede. Lei, primo e più diretto collaboratore di Papa Francesco, viene a rinnovare il legame tutto speciale con i pontefici e ad aprire idealmente anche al Papa ‘venuto dall’altra parte del mondo’, la strada che ha già condotto San Giovanni Paolo II e Benedetto XVI in pellegrinaggio al Santuario della Vergine del Rosario". Così monsignor Tommaso Caputo, arcivescovo prelato di Pompei, si è rivolto al segreterio di Stato cardinale Pietro Parolin, che oggi celebra la Messa e presiede la recita della Supplica alla Madonna di Pompei. "Vogliamo esprimere – con più forza che mai – l’amore che Pompei prova per la Chiesa e per il Papa", ha affermato il presule. "Ieri – ha aggiunto – Papa Francesco ci ha commosso con il suo invito alla Chiesa tutta ad elevare la preghiera della Supplica alla Madonna del Rosario di Pompei e con l’annuncio della venuta tra noi di vostra eminenza". "Le mie parole – ha spiegato – sono l’eco di una comunità ecclesiale che sente di vivere, pur tra tante difficoltà, un momento importante della propria vita e della propria storia. Sono l’eco di tutti i presenti", tra i quali ha ricordato i numerosi vescovi presenti alla celebrazione. (segue) 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy