BENI CULTURALI ECCLESIASTICI: MONS. RUSSO (CEI), "LORO CURA RIGUARDA TUTTI"

"La cura del patrimonio culturale ecclesiastico riguarda tutta la comunità ecclesiale. Nessuno è padrone dei beni ecclesiastici" ma "tutti sono chiamati a svolgere un ruolo particolare per la loro cura, conservazione e valorizzazione". Ad affermarlo è oggi monsignor Stefano Russo, direttore Ufficio nazionale Cei per i beni culturali ecclesiastici, in apertura del convegno "Emergenza sicurezza. I beni culturali ecclesiastici nel tempo della crisi", promosso fino a domani, in occasione della XXI Giornata nazionale dei beni culturali ecclesiastici, dal competente Ufficio Cei e dall’Ordine nazionale degli architetti. Di fronte ai fenomeni calamitosi di diversa natura che periodicamente colpiscono il nostro Paese, mons. Russo avverte: "L’emergenza, per quanto possa rappresentare una sorpresa, non deve coglierci di sorpresa". Noi, "nell’ambito del nostro servizio", non soltanto "possiamo fare qualcosa ma possiamo fare tanto", e "con poco". Nel richiamare il saluto di mons. Galantino, il direttore dell’Ufficio Cei ribadisce: "La prima e insostituibile risorsa siamo noi stessi – incaricati per i beni culturali e al personale degli uffici diocesani", ma "diventa decisivo il modo con cui intendiamo il nostro ruolo" che va compreso "come un servizio prezioso che ci situa nel cuore della comunità cristiana". (segue) 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy