SCUOLA: ALTO ADIGE, INCONTRI PER SENSIBILIZZARE I GIOVANI SU CARCERE E PENA

"A scuola di libertà" è un progetto promosso dalla Conferenza nazionale volontariato giustizia che mira ad approfondire i temi del carcere e della pena con incontri e riflessioni negli istituti scolastici. In Alto Adige il progetto è messo in atto dalla Caritas per mezzo del servizio Odòs, che si occupa dell’accompagnamento e del reinserimento sociale e lavorativo di persone detenute ed ex-detenute. Hanno aderito all’iniziativa 7 istituti scolastici nelle città di Bolzano, Merano, Bressanone e Ortisei. "Obiettivo dell’iniziativa – spiega Alessandro Pedrotti, responsabile del servizio Odòs – è proporre un modello di giustizia diverso, in cui sia recuperato il valore della centralità della persona umana". "Durante gli incontri con i ragazzi – continua Pedrotti – si spiegherà che chi ha perso la libertà deve avere la possibilità di riconquistarla scontando una pena rispettosa per la dignità delle persone. In carcere, infatti, ci sono persone e non ‘reati che camminano’". Sabato 15 novembre, dunque, i due mondi della scuola e del carcere avranno l’occasione di conoscersi e confrontarsi per riflettere sul sottile confine tra trasgressione e illegalità, sui comportamenti a rischio e le conseguenze che ne derivano. 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy