MISSIONI: PIME, I VESCOVI PIAZZOLI E BIANCHI "RITORNANO" A HONG KONG

Le spoglie di due vescovi del Pime che hanno guidato la diocesi di Hong Kong in due diversi momenti della sua storia stanno per fare ritorno in Cina. È stato il cardinale John Tong, attuale vescovo di Hong Kong, a chiedere al Pime che le urne funerarie di monsignor Luigi Piazzoli (1845-1904) e monsignor Lorenzo Bianchi (1899-1983) – morti entrambi in Italia e per questo qui sepolti – potessero fare ritorno nella terra in cui hanno vissuto la loro missione, per essere collocati accanto agli altri vescovi locali nella cripta della cattedrale. Le spoglie partiranno per Hong Kong oggi dopo essere state riesumate e collocate in nuove urne. Monsignor Piazzoli fu ordinato sacerdote il 1° novembre 1868, l’anno successivo partì per il vicariato di Hong Kong in Cina. Fu uno dei pionieri del Pime in quella missione. Nel 1894 venne nominato vicario apostolico di Hong Kong. Fu sotto la sua guida che crebbe fortemente l’apostolato tra i cinesi. Monsignor Bianchi entrò nel Pime nel 1920 per essere poi ordinato sacerdote nel 1922. L’anno successivo partì per Hong Kong. Arrestato il Giovedì Santo del 1951 e liberato il 17 ottobre 1952 fece il suo ingresso come vescovo a Hong Kong, dove si spese per l’assistenza alle migliaia di profughi che dalla Cina continentale avevano raggiunto l’allora colonia britannica. 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy