SCUOLA: MONS. AMBROSIO SU 10 MAGGIO, "TUTTI" IN PIAZZA PER "TUTTA LA SCUOLA" (2)

"La Chiesa ha a cuore tutta la scuola, e invita tutti a prendersene cura, credenti e non credenti", sottolinea il vescovo, secondo il quale "nel contesto in cui viviamo, lo sguardo limitato, provinciale, è uno sguardo perdente". "Dobbiamo uscire dagli steccati che ci limitano – la proposta – perché non è possibile ignorare la questione dell’educazione nel dibattito pubblico. Bisogna ‘sprovincializzarsi’ per essere cittadini del mondo: sapendo, però, che lo si diventa partendo da una determinata realtà che è quella italiana". Quanto alla "grave discriminazione", denunciata dal cardinale Bagnasco, in materia di libertà educativa, mons. Ambrosio osserva: "C’è una miopia ideologica rispetto alla realtà, che non arriva a comprendere come per ogni scuola paritaria che viene chiusa, per motivi fondamentalmente di carattere economico, il sistema scolastico complessivo viene ad essere ulteriormente impoverito". Dati alla mano, "se le scuole paritarie sono circa il 24% delle scuole italiane, ciò che per esse viene stanziato è l’1%". "Ogni studente in media costa 7mila euro allo Stato, ogni alunno delle scuole paritarie ne viene a costare 500", fa notare mons. Ambrosio: "Se questi ultimi vanno nelle scuole statali, lo Stato è costretto a sborsare più soldi, in una situazione generale già di grande difficoltà". 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy