PAPA FRANCESCO: AI GESUITI, "SE DIO NON È AL CENTRO LA COMPAGNIA SI DISORIENTA"

Non avere altro nome nella vita, e non compiere altra azione, che non sia strettamente collegata a Cristo. È l’auspicio con cui Papa Francesco ha concluso questa mattina l’omelia della messa presieduta nella chiesa del Gesù, nel giorno in cui la Chiesa festeggia la ricorrenza liturgica del Santissimo Nome di Gesù, "titolo" dell’Ordine fondato da Sant’Ignazio di Loyola. Il Papa, secondo quanto riferisce Radio Vaticana, si è soffermato sulla figura di Pietro Favre, proclamato santo due settimane fa, compendio vivente dei caratteri spirituali e apostolici che rendono un gesuita aderente al suo dover essere. A cominciare dal cuore, vuoto e svuotato per amore, come fu quello di Cristo. "Siamo chiamati a questo abbassamento – ha detto Papa Francesco – essere degli svuotati. Essere uomini che non devono vivere centrati su se stessi perché il centro della Compagnia è Cristo e la sua Chiesa. E Dio è il Deus semper maior, il Dio che ci sorprende sempre. E se il Dio delle sorprese non è al centro, la Compagnia si disorienta. Per questo, essere gesuita significa essere una persona dal pensiero incompleto, dal pensiero aperto: perché pensa sempre guardando l’orizzonte che è la gloria di Dio sempre maggiore, che ci sorprende senza sosta. E questa è l’inquietudine della nostra voragine. Quella santa e bella inquietudine". (segue)” “” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy