FEDE E VITA: INCONTRO SULLE VIRTÙ CARDINALI, "ORDINARI ATTREZZI DEL VIVERE"

Prudenza, giustizia, fortezza e temperanza: le quattro virtù cardinali sono state protagoniste, ieri pomeriggio, di un incontro nella chiesa di Santo Spirito in Sassia a Roma, organizzato dall’associazione "Res magnae" e dalla fondazione "Giovanni Paolo II". L’appuntamento – che segue quello dell’11 giugno scorso dedicato alle virtù teologali – ha voluto riportare l’attenzione su alcuni valori fondanti del Cristianesimo, e sul modo di incarnarli nella quotidianità. Dopo i saluti di Marco Italiano, presidente dell’associazione "Res magnae", e di monsignor Luciano Giovannetti, presidente della Fondazione "Giovanni Paolo II", i lavori sono stati introdotti dal direttore del quotidiano "Avvenire" Marco Tarquinio, che ha definito le virtù cardinali "parole dal suono antico, esigenti e servizievoli: non corazze o camicie di forza, ma ordinari attrezzi del nostro mestiere di vivere". A condurre le riflessioni su prudenza, giustizia, fortezza e temperanza sono stati rispettivamente: il cardinale Francesco Monterisi, arciprete emerito della basilica papale di San Paolo fuori le mura; il cardinale Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese orientali; il cardinale Salvatore De Giorgi, arcivescovo emerito dell’arcidiocesi di Palermo, e il cardinale Jean-Louis Tauran, presidente del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso. (segue)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy