SENZATETTO AGGREDITI A GENOVA: S.EGIDIO, DOMANI VEGLIA DI PREGHIERA

Una veglia di preghiera "per i poveri" e per "dire no a ogni violenza". La organizza la Comunità di Sant’Egidio di Genova quale risposta ai fatti accaduti l’altra notte nel capoluogo ligure quando quattro senza fissa dimora sono stati presi a sprangate in una delle piazze del Centro storico genovese mentre dormivano in un bivacco improvvisato. "Abbiamo sentito una grande tristezza e l’impellenza di affermare che non è questa la città in cui ci riconosciamo e che vogliamo lasciare ai nostri figli", affermano i responsabili della Comunità di Sant’Egidio. Il momento di preghiera e raccoglimento si terrà domani pomeriggio, alle 18.45 presso la basilica dell’Annunziata. "Vogliamo pregare per Koloman, Susanna, Jan e Alice, per chi vive per strada e ha paura: perché i poveri non causano l’insicurezza, ma sono i primi a subirla", prosegue l’invito della Sant’Egidio, "ma vorremmo pregare anche per chi ha il cuore posseduto dalla violenza e dall’odio". Infine l’invito rivolto a tutti a "pregare per noi e per la nostra città, perché sappia divenire un luogo accogliente per tutti, soprattutto per chi è fragile, povero e solo". 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy