TREGUA IN SUD SUDAN: MEDICI CUAMM, "RIMANE SCETTICISMO TRA LA POPOLAZIONE" ” ” ” “

"È giunta anche qui a Yirol la notizia della firma della tregua tra il governo e i ribelli di Machar": così Enzo Pisani, medico del Cuamm, rimasto sul campo dall’inizio degli scontri, commenta la notizia della fine delle ostilità in Sud Sudan. "Rimane, però, molto scetticismo tra la popolazione – prosegue il dottore -. Nessuno è in grado di dire se Machar riuscirà davvero a controllare tutti i ribelli. Questa mattina a 60-70 chilometri da Yirol si combatteva ancora e sono arrivati altri 2 feriti nel nostro ospedale. Dall’inizio di gennaio, ne abbiamo già contati 34. Arrivano da diverse parti, soprattutto dalla zona di Jonglei". L’ospedale di Yirol, nello Stato del Laghi, è l’unico di riferimento per l’intera regione e il più vicino alla linea del fronte. Oltre a garantire assistenza di primo e secondo livello, cerca di far fronte all’emergenza della guerra, all’arrivo di feriti dovuti agli scontri e all’emergenza degli sfollati. Continua Pisani: "Prosegue inoltre il flusso di camion carichi di masserizie e persone che passano per Yirol e si dirigono nella zona Nord-Est del Paese, roccaforte del presidente Salva Kiir, di etnia dinka, in cerca di maggiore sicurezza". (segue)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy