CARDINALE DOLAN: "SOSTENERE LA CAUSA" DEL "MOVIMENTO EUROMAIDEN" IN UCRAINA” “

(Sir Europa – Bratislava) – "Noi cattolici degli Stati Uniti non possiamo tollerare la sofferenza di questi coraggiosi ucraini che, nonostante ‘la prigione, il fuoco e la spada’, sono rimasti fedeli alle loro convinzioni religiose". È quanto si legge in una dichiarazione pubblicata sul sito ufficiale del cardinale Timothy Dolan, arcivescovo di New York, a sostegno del "Movimento EuroMaiden" in Ucraina. Il cardinale aveva visitato il Paese nell’agosto 2013 per partecipare alla dedicazione della cattedrale della Resurrezione della Chiesa greco-cattolica ucraina (Ugcc) a Kiev, e in quell’occasione aveva notato con "meraviglia la giovinezza e la vitalità di una Chiesa che aveva sofferto la fame ed era stata vittima di angherie, arresti, torture e persecuzioni durante il regime di Hitler, Stalin e compagnia". Tuttavia, come scrive, quelle speranze di una democrazia "in fiore" sono ora diventate "fredde come questa giornata d’inverno a New York". Ciò che era iniziato come una protesta pacifica caratterizzata dalla preghiera si è ora trasformato "in qualcosa di sgradevole e brutale, con le forze di governo che quasi provano piacere ad aggredire e prendere a manganellate centinaia di migliaia di patrioti ucraini e con l’immediata approvazione di leggi oppressive che sopprimono le libertà". Il cardinale Dolan loda i leader dell’Ugcc per i loro sforzi a sostegno della pace e della difesa dei diritti dei cittadini e della libertà di religione. "Come cittadini americani non possiamo lasciarli soli e chiediamo al nostro governo di sostenere la loro causa", la conclusione del messaggio. ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy