COMUNICAZIONE: GIACCARDI (UNIV. CATTOLICA), DAL PAPA "TRE INDICAZIONI"

"Papa Francesco ci offre almeno tre indicazioni chiare per interpretare e abitare il mondo contemporaneo, dove i media, in particolate quelli digitali, sono così pervasivamente presenti". Lo ha affermato Chiara Giaccardi, sociologa e docente all’Università Cattolica, intervenendo questa mattina in sala stampa vaticana alla presentazione del messaggio per la prossima Giornata mondiale delle comunicazioni sociali. "Innanzitutto ‘la comunicazione è in definitiva una conquista umana più che tecnologica’. La tecnologia – ha parafrasato Giaccardi – può facilitare od ostacolare, ma non ci determina. Il tecnologico agevola la connessione (riduce le distanze) ma non crea di per sé comunione e prossimità: la libertà, l’iniziativa, la disponibilità a entrare nella reciprocità dell’incontro ne sono condizioni indispensabili". In secondo luogo Francesco invita a "capire la comunicazione in termini di prossimità". Dire, ad avviso della sociologa, "che la comunicazione non eÌ prima di tutto trasmissione di contenuti, ma riduzione di distanze, è una piccola rivoluzione copernicana rispetto al senso comune. Non sono le strategie, il marketing, gli effetti speciali che fanno la comunicazione. È superare ciò che ci divide, far crescere ciò che ci è comune; è farsi reciprocamente dono di sé". "Comprendere la comunicazione come prossimitaÌ – ha precisato – e non come trasmissione (che può avvenire più tranquillamente a distanza) ha profonde implicazioni anche su educazione, formazione, istruzione, catechesi". (segue) 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy