ABOLIZIONE REATO CLANDESTINITÀ: MONS. PEREGO (MIGRANTES), DECISIONE CORRETTA (2)” “

Sul rischio d’infiltrazioni terroristiche, puntualizza mons. Perego, "spetta alle forze di polizia individuare eventuali aspetti in questo senso ma ricordiamo che non deve mai venir meno la tutela dei diritti di chi sta fuggendo, tramite servizi di accompagnamento alle persone. Abbiamo verificato nel lavoro sul campo di contrasto alla prostituzione che l’accompagnamento sociale diventa anche uno strumento per combattere il crimine". Il ddl provocherà in concreto, secondo il direttore della Migrantes, "uno svuotamento delle carceri e uno snellimento delle pratiche nei Tribunali. Secondo l’Istat tra il 2010 e il 2011 gli stranieri in carcere per il reato di immigrazione clandestina erano fortemente diminuiti, passando da 4.103 a 2.329 (su una popolazione carceraria oggi di circa 64.000 persone), anche a seguito delle modifiche legislative all’articolo 14 legge 286/98, introdotto dalla legge Bossi-Fini, in merito al reato di immigrazione clandestina.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy