UNIONI CIVILI A ROMA: ZEMA (ROMA SETTE), "FORZATURA GIURIDICA, MIOPIA POLITICA"

"La proposta intende tutelare e sostenere le unioni civili equiparandole alla famiglia fondata sul matrimonio per gli ambiti di competenza comunale. Il pretesto, diremmo noi, è evitare ogni forma di discriminazione". Ma "la vera discriminazione consisterebbe nel trattare in modo uguale situazioni differenti, come sono le unioni civili e il matrimonio: nel secondo, infatti, due soggetti assumono precisi diritti e doveri di fronte alla legge, con rilevanza negoziale pubblica. Non si può barare con le parole". È quanto afferma Angelo Zema, direttore del sito di informazione www.romasette.it e responsabile del settimanale Roma Sette, nell’editoriale che sarà pubblicato domani – domenica 19 gennaio – sul periodico della diocesi di Roma in edicola con Avvenire in merito alla delibera per il riconoscimento e l’istituzione di un registro delle unioni civili approvata nei giorni scorsi nelle commissioni capitoline. Con il varo della delibera, si legge nell’editoriale "a essere discriminate sarebbero le famiglie". (segue)

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy