UCRAINA: SCHULZ (PARLAMENTO UE) CONDANNA LEGGI CONTRO LIBERTÀ” “

(Sir Europa – Bruxelles) – "Sono profondamente preoccupato per l’adozione da parte del Parlamento ucraino delle proposte di legge che potrebbero limitare le libertà fondamentali dei cittadini, impedire la libertà di assemblea e parola, e bloccare le attività delle ong", dichiara Martin Schulz, presidente del Parlamento europeo, in risposta alle recenti decisioni assunte dal Parlamento ucraino, sollecitando il presidente, Viktor Yanukovich, a non firmare le proposte di legge e garantire che qualsiasi emendamento sia compatibile con gli impegni internazionali assunti dall’Ucraina. Schulz avverte che tali leggi respingerebbero il Paese "verso il suo passato sovietico autoritario", aggiungendo che una "mancanza di trasparenza e la violazione delle procedure parlamentari non sono il modo di creare leggi solide". Secondo tale dichiarazione, la porta verso l’integrazione dell’Ucraina nell’Unione europea resta aperta. "Tuttavia, abbiamo bisogno di vedere un chiaro impegno da parte delle autorità ucraine, che devono dimostrare di essere serie e sincere a proposito dell’integrazione europea", sottolinea il presidente, evidenziando gli ultimi sviluppi, che non soltanto "non rispettano la volontà delle persone che manifestano in piazza Maidan, ma potrebbero anche allontanare l’Ucraina dal suo percorso europeo, e quindi dal mondo civilizzato".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy