MIGRANTI: ASSOCIAZIONI, "MIGLIAIA DI DISPERSI IN MARE, GOVERNO DIA RISPOSTE" (2)” “

"Oggi notiamo che, nonostante l’indurimento della politica migratoria europea, nonostante Frontex e l’intolleranza verso il diritto all’asilo – ha osservato Romdhani -, sempre più persone prendono il mare, rischiando la vita. Da qui la necessità di un’altra politica, della cooperazione tra i Paesi del Sud e del Nord del Mediterraneo". "È sempre più necessario e urgente un cambio di prospettiva radicale", ha dichiarato don Armando Zappolini, presidente del Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (Cnca): "Bisogna assicurare dignità e rispetto alle persone in fuga da fame e guerre. Le politiche vanno elaborate a partire da questo principio elementare. E abbiamo, a questo proposito, molti anni di vergogna da recuperare". "È inutile fare cooperazione internazionale oggi se non riteniamo centrale la questione dei diritti umani nei Paesi in cui operiamo e nel nostro stesso Paese", ha affermato Domenico Chirico, direttore di Un ponte per. Durante la conferenza stampa il Cnca ha presentato la "Lettera da Tunisi", un documento in cui si dà conto del viaggio organizzato dalla Federazione nel settembre 2013, per fare il punto sulla situazione della Tunisia e dell’area del Mediterraneo e sulla questione dei migranti.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy