UNITÀ DEI CRISTIANI: SAN MINIATO, "DIALOGARE COL VICINO"

"Questi tempi sono duri per tutti, soprattutto per le famiglie che soffrono la crisi. Ma la risposta non può essere quella di chiudersi al mondo, all’altro. È necessario uscire di casa e dialogare col vicino". È la "ricetta" per vivere l’ecumenismo in famiglia: a proporla è Francesco Bagatti, direttore dell’Ufficio per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso della diocesi di San Miniato. "Papa Francesco – dichiara l’esperto in un’intervista rilasciata alla "Domenica", il settimanale della diocesi – ha capito che il dialogo interreligioso è il fondamento per la nuova evangelizzazione. Il suo è un messaggio profondamente riformatore, non solo per quello che dice, ma soprattutto per come lo dice. Ancora è presto per capire se i suoi intenti si trasformeranno in riforme, nessuno ha la bacchetta magica. Ma il richiamo del Papa per una chiesa più solidale è certamente un messaggio che profuma di ecumenismo". Come vivere l’ecumenismo sul territorio? "Dobbiamo ripartire da noi stessi", la risposta di Bagatti, secondo il quale c’è invece "la tendenza a delegare sempre ad altri: la società, le istituzioni, la Caritas. Dobbiamo far leva su quello che possiamo fare noi, anche poco". Infine, la proposta: "Ci sono zone della nostra diocesi dove l’Islam è la religione più praticata. Una convivenza pacifica e proficua è impossibile se non c’è incontro. Questo tratto di strada va fatto insieme". 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy