MINORI: OSP. BAMBINO GESÙ-DPA, UN PROGETTO PER PREVENIRE L’USO DI DROGHE

Si chiama Edi (Early Detection and Intervention) il progetto di collaborazione tra l’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma e il Dipartimento per le politiche antidroga (Dpa) della presidenza del Consiglio dei ministri, presentato questa sera al convegno "Disagio giovanile: individuare i soggetti a rischio, prevenire le difficoltà", promosso dal Dipartimento di neuroscienze e neuroriabilitazione del Bambino Gesù con la partecipazione del Capo del Dipartimento per le politiche antidroga Giovanni Serpelloni, e del presidente del Pontificio Consiglio della pastorale per gli operatori sanitari, monsignor Zygmunt Zimowski. "Un paziente psichiatrico su tre, tra i minori, fa uso continuo di droghe. Ciò riguarda in particolare le psicosi, i gravi disturbi del comportamento, i tentati suicidi", è stato spiegato. Il progetto è pertanto finalizzato alla "individuazione precoce, a scopo preventivo, delle condizioni comportamentali e delle situazioni familiari a rischio e dei soggetti particolarmente ‘vulnerabili’ in età prepuberale, con particolare riferimento all’area del disturbo psichiatrico giovanile" di cui l’abuso di droghe è concausa. 

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy