DIPENDENZE: CONFERENZA IN VATICANO SU CONSUMO E DIPENDENZA DA ALCOL (2) ” “

Su circa 1 milione di alcoldipendenti in Italia, solo 58.000 circa accedono a un trattamento. Di qui la necessità di "ridurre le pressioni mediatiche e sociali al bere, agire per incrementare le attività di formazione dei medici, di prevenzione, d’informazione e di valutazione dell’efficacia dell’offerta terapeutica". "Un disturbo da alcol sottovalutato, e non curato, può portare all’insorgenza di altri disturbi psichiatrici", ha detto Claudio Mencacci, presidente della Società italiana di psichiatria, sottolineando l’urgenza di "incentivare un trattamento tempestivo", con approcci che vanno dall’astensione immediata alla riduzione del consumo come step intermedio per raggiungere l’astensione. Per la prima volta in Italia, le 5 Società scientifiche nazionali più rilevanti del settore si uniscono per promuovere una campagna di sensibilizzazione sull’alcoldipendenza quale malattia curabile e per abbattere il diffuso tabù del considerarla un semplice vizio. Società italiana di alcologia (Sia), Società italiana di psichiatria (Sip), Società italiana di psichiatria delle dipendenze (Sip.Dip), Federazione italiana degli operatori dei dipartimenti e dei servizi delle dipendenze (FeDerSerD) e Società italiana delle tossicodipendenze (Sitd) si uniscono nella Campagna sociale "Un finale migliore", per fornire un consulto online attraverso il sito www.unfinalemigliore.it.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy