SHARON: COSTALLI, "FORGIATO DALLA GUERRA. CONQUISTATO DALLA PACE"

"Con Ariel Sharon se ne va sicuramente uno dei personaggi politici più importanti dello stato di Israele, una figura che ha fatto letteralmente la storia del proprio Paese e che ha vissuto da protagonista molti avvenimenti cruciali". Lo sottolinea in un editoriale del Sir (clicca qui) Stefano Costalli. "Grazie alla sua precoce carriera militare – ricorda Costalli -, Sharon può essere considerato fra i fondatori di Israele". Uscito dall’esercito, Sharon entrò in politica, continuando "a lasciare il proprio segno profondo nella storia di Israele". Entrato nel Likud "Sharon è stato, come Rabin fra i Laburisti, uno dei primi ebrei autoctoni a raggiungere i vertici delle istituzioni israeliane". Nel 2000 "la sua provocatoria passeggiata sulla Spianata delle moschee a Gerusalemme accese la miccia della seconda intifada palestinese". Tuttavia, nel 2005, divenuto Primo Ministro, "Sharon riconobbe che i palestinesi avevano diritto a un loro Stato". In seguito Sharon uscì dal partito "per fondare una nuova formazione di centro, Kadyma, ma un ictus lo colpì lo stesso anno". Questo era Sharon, "una figura complessa come la storia e la società israeliana, un uomo forgiato dalla guerra, dotato di ferrea determinazione, pronto a tutto per il proprio Paese, difficile da racchiudere in qualunque categoria politica".” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy