GIORNO MEMORIA: GATTEGNA (UCEI), "ITALIA HA QUALCOSA DA INSEGNARE A EUROPA" (2)

"Suscitare ilarità nel pubblico" su un tema sensibile come quello della Shoah – ha quindi aggiunto Gattegna – "si reca un doppio danno alla cultura della democrazia e alla fratellanza tra gli uomini". Con l’istituzione invece di una Giorno della memoria, l’Italia ha deciso di "puntare sull’educazione e sulla presa di coscienza soprattutto da parte dei giovani di ciò che è stato e che non si deve ripetere mai più. Si tratta di far entrare nelle coscienze degli anticorpi tali per cui qualora anche si verificassero certi episodi, la reazione sia pronta e coinvolgente". Varie iniziative saranno promosse in questo periodo e attraverseranno il Paese per ricordare la liberazione del campo di concentramento di Auschwitz, avvenuta il 27 gennaio 1945. Tra le iniziative, è ormai diventato un appuntamento annuale l’organizzazione, il 22 gennaio, presso la sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, di una Tavola Rotonda promossa dalla Comunità ebraica e dalla Presidenza del Consiglio. ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy