CATTOLICI E ITALIA: DELLE FOGLIE (SIR), "NON SI TIRANO INDIETRO"

"Ovunque i cattolici non si tirano indietro. Cosa li muove? La Speranza, solo la Speranza". Così riflette in un editoriale (clicca qui) il direttore del Sir, Domenico Delle Foglie, guardando all’anno appena trascorso. "All’alba del settimo anno di recessione – osserva Delle Foglie – siamo qui a sperare che lo 0,1% di ripresa del Pil possa assestarsi e invertire anche il sentimento popolare. Si chiama fiducia, ma per ora è merce rara. Anzi, abbonda la rabbia che ha messo in moto i forconi e che oscilla fra ribellismo e populismo. Entrambi nefasti per un Paese ordinato e civile". Eppure "in questo incredibile 2013 è venuto un uomo ‘preso quasi dalla fine del mondo’ che dal primo giorno della sua missione ci parla della povertà non come dannazione dell’umanità, ma come una sorella con la quale abituarsi a convivere perché ‘i poveri saranno sempre con noi’, ma aspettando da noi una parola di speranza. Quella di cui tutti abbiamo bisogno se vogliamo trovare dentro di noi le ragioni per garantire un futuro a noi stessi, alle nostre famiglie, alle nostre comunità e al nostro Paese". "I cattolici italiani – annota il direttore del Sir – hanno capito bene la lezione. In ogni angolo d’Italia le nostre comunità hanno dato nuovo slancio all’aiuto verso i vecchi e nuovi poveri. Molti pastori hanno rivoluzionato le priorità delle loro Chiese locali. Le emergenze sono tante, ma nessuno si è tirato indietro".

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy