SIRIA: APPELLO DELLE SUORE TRAPPISTE DI AZEIR, "NO AI BOMBARDAMENTI"” “

Una lettera dalla Siria dalle suore trappiste del monastero cistercense di Azeir, al confine col Libano, fra Homs e Tartous. Un appello disperato contro i bombardamenti della comunità internazionale e una richiesta di "tanta preghiera, accorata, coraggiosa". La lettera è stata inviata nei giorni scorsi, a nome di tutta la comunità, da suor Marta Luisa Fagnani, originaria di Como, ed è stata letta nella parrocchia di Sant’Agata (Como), di cui la suora è originaria. "Guardiamo la gente attorno a noi – racconta -, i nostri operai che sono venuti a lavorare tutti come sospesi, attoniti: ‘Hanno deciso di attaccarci’. Oggi siamo andate a Tartous. Sentivamo la rabbia, l’impotenza, l’incapacità di formulare un senso a tutto questo: la gente cerca di lavorare, come può, di vivere normalmente. Vedi i contadini bagnare la loro campagna, i bambini chiedere ignari un giocattolo o un gelato… vedi i poveri che cercano di raggranellare qualche soldo, le strade piene dei rifugiati interni alla Siria, arrivati da tutte le parti nell’unica zona rimasta ancora relativamente vivibile". (segue)” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy