LAVORO: MONS. OMELLA (SPAGNA), "SERVE REVISIONE DEL MODELLO ECONOMICO"” “” “

(Sir Europa – Bruxelles) – Una significativa revisione "del modello economico, che privilegi le persone e l’economia reale rispetto alla speculazione finanziaria"; la trasformazione del mercato del lavoro ("se non possiamo sperare nel posto fisso per tutta la vita non vogliamo nemmeno che i nostri giovani soffrano per sempre dell’attuale precarietà"), con forme di tutela dei lavoratori stessi; "maggior formazione, adeguata alle esigenze dei mercati"; "processi di accompagnamento personale per la ricerca e il mantenimento del proprio lavoro"; accrescere l’autoimprenditorialità. Sono alcune delle proposte che mons. Juan José Omella, vescovo di Calahorra e di La Calzada-Logrono (Spagna) ha portato al convegno sul lavoro giovanile in Europa in corso al Parlamento Ue, promosso da Comece e altre organizzazioni cattoliche. Il vescovo è partito da un’analisi dei dati e delle possibili cause della disoccupazione in Spagna, tra le più elevate nell’Ue, con dati allarmanti per gli under25, per poi raccomandare un percorso di possibili risposte, sia in chiave nazionale sia a livello europeo. Patrizia Toia, eurodeputata italiana che ha aperto i lavori, ha ribadito i dati "allarmanti" presenti nell’Ue, sottolineando però che esistono risposte possibili e che "occorre unire le forze" (Ue, Stati, imprese) lanciando "messaggi di speranza" alle giovani generazioni. Una specifica sottolineatura è stata riservata dalla deputata al tema della formazione.” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy