SANTA SEDE: P. LOMBARDI, CONSIGLIO CARDINALI NON È "UN GOVERNO COLLEGIALE" (2)

"Sinodalità" e "discernimento", attraverso consultazioni frequenti e pazienti": sono queste, ha detto padre Lombardi durante il briefing odierno con i giornalisti, due parole-chiave del "metodo di governo" di Papa Francesco. Sul tavolo, il Consiglio dei cardinali ha già un’ampia "raccolta di suggerimenti e di proposte": circa 80 documenti che sono stati sintetizzati dal segretario e a cui vanno aggiunti documenti eventualmente portati dai singoli membri, con i quali il Papa ha avuto già "diversi colloqui". Tranne mercoledì mattina per l’udienza generale, e giovedì in tarda mattinata per l’udienza ai partecipanti al Convegno sulla "Pacem in Terris", il Papa – ha riferito il portavoce vaticano – sarà "sempre presente" ai tre giorni della prima riunione, coordinata dal cardinale Maradiaga. Non solo "riforma della Curia", ma anche "governo universale", tra i temi, "molto ampi", della tre-giorni. "Non dobbiamo aspettarci pubblicazioni di documenti o decisioni eclatanti", ha puntualizzato padre Lombardi a proposito della "linea di discrezione" stabilita dal Papa per questo incontro, che sarà caratterizzato da un "lavoro di consultazione". "Non c’è un legame stretto, specifico, di contenuti o di altro genere" tra i lavori del Consiglio e il viaggio del Papa ad Assisi, ha dichiarato infine il portavoce vaticano, definendo i due eventi "due realtà ben distinte". ” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy