SOVVENIRE: CALABRESI (CEI), "L’8XMILLE È UN BENE COMUNE" (2)” “” “

"La forza dell’8xmille – ha chiarito il responsabile del Sovvenire – è questa: la capacità di aiutare in modo capillare e costruttivo, la capacità di creare un qualcosa che rimane, non un semplice aiuto a fondo perduto, ma un aiuto fondamentale e che stimola le capacità locali alla corresponsabilità. L’8xmille è questo, è un bene di tutti, è un bene comune. L’8xmille va però costruito insieme e promosso insieme perché poi vede ricadere i suoi benefici su tutta la Chiesa". Per Calabresi, "promozione vuol dire far sì che più sacerdoti possibile, più fedeli possibile nel vostro territorio vengano a conoscenza dei valori del Sovvenire, del meccanismo del sostegno economico alla Chiesa, delle attività di trasparenza che i Servizi promozione nazionale e diocesani svolgono". Citando il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, il responsabile del Sovvenire ha osservato: "Nessuno che tenga alla Chiesa – che siano laici o presbiteri – può dire ‘non mi riguarda’; ognuno di noi si deve impegnare attivamente, anche con piccoli gesti di formazione ad esempio, a sostenere la Chiesa". Infine, Calabresi ha ricordato che "il programma del Campus è studiato per affrontare le tematiche del Sovvenire sotto ogni aspetto, giuridico, pastorale, ecclesiologico, valoriale ed anche più prettamente pratico".” “

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Archivio

Informativa sulla Privacy